400.000 EURO BUTTATI NEL CES…TINO!

Cosa è successo

Durante il Consiglio comunale di mercoledì 6 maggio l’Assessore al Bilancio ha presentato il Rendiconto del 2014. Da questo risulta un avanzo di circa 400.000 euro rispetto alle previsioni di settembre.

Cosa significa

Creare avanzo significa non spendere dei soldi incassati dai cittadini con le imposte e le tasse e lasciarli nelle casse dello Stato. Quegli stessi 400.000 euro non è possibile usarli in futuro. Sono persi, bruciati, spariti. Il comune ha tassato i cittadini e poi non ha speso i soldi incassati. Ciò è gravissimo.

Cosa si poteva fare

Se l’Amministrazione fosse stata adeguata al suo ruolo:

  • non avrebbe sbagliato così clamorosamente le previsioni.
  • avrebbe monitorato meglio i conti e ascoltato chi li aveva avvisati (M5S)
  • avrebbe messo in atto tutte le strategie che consentono verso fine anno di “mettere una toppa” giusta agli errori di previsione per avere un avanzo molto più basso.

In realtà la toppa è stata peggio del buco e i 400.000 sono spariti!

Come potevano essere utilizzati quei soldi

  • Avendo quella cifra a disposizione si poteva ridurre di un quarto la Tasi (dal 3 al 2,3 per mille);
  • Con 400.000 euro tutti bimbi di Settimo sarebbero potuti andare al nido gratis!
  • Si poteva diminuire del 25% l’addizionale irpef comunale che tanto pesa sulle buste paga;
  • Si potevano aumentare notevolmente le corse della 423 e della 433;
  • Si potevano riparare le strade nelle frazioni che sono disastrose in alcuni punti.

E ora?

Quali giustificazioni stavolta? Concordiamo col fatto che tenere i conti in ordine sia difficile. Le colpe ricadono anche sul Governo Renzi che taglia e comunica male. Ma sentirsi dire in Consiglio Comunale che si sono buttati via 400.00 euro dei cittadini perché è stato un inverno caldo no. Basta prendere in giro i cittadini. Dovete semplicemente ammettere gli errori gravi e trarne le conseguenze.

Un’amministrazione inadeguata

Durante il Consiglio Comunale questo gravissimo errore è stato giustificato di nuovo con mille scuse. Il caldo, l’IVA, la scusa di essere nuovi, di non aver mai fatto l’Assessore.

E la responsabilità POLITICA della Giunta? Da dove arriva tutta questa arroganza? Dov’è la presa di coscienza davanti ad una pessima gestione della cosa pubblica? Adesso, siamo certi che, come nel recente passato, scaricheranno la colpa sugli uffici, sulla burocrazia.

Non ci sono più attenuanti. Non ce ne sono nei tempi di vacche grasse, meno ancora in questi tempi difficili. Ma stiamo scherzando?! Ciò che rimane di tutta questa storia è che il lavoro fatto è assolutamente inadeguato. Chi amministra Settimo ha buttato nel ces…tino 400.000! Soldi che non sono piovuti dal cielo, ma sottratti dalle tasche dei cittadini con TASI, ADDIZIONALE IRPEF, IMU.

FONTI:

Le riprese video del C.C. del 6/5/2015 (con la discussione dei primi tre punti dell’ordine del giorno). Per chi volesse arrivare al focus della questione qui analizzata, può andare direttamente 1h e 20”; qui l’Assessore al Bilancio Patrizia Stringaro spiega il pasticcio amministrativo contabile denominato “Esame ed approvazione relazione patrimoniale e rendiconto di gestione dell’esercizio 2014”. Buona visione!