AUTISTI AITANTI CERCANSI PER FESTE PATRONALI

Festa-Seguro-433

Proprio così, si cercano autisti aitanti e in grado di sollevare pesi perché può capita­re -soprattutto durante le feste patronali- che i percorsi siano inavvertitamente transennati e non ci sia altra modalità di intervento se non quella di spegnere la vettura, pomparsi i muscoli per benino e spostare le transenne allegramente e in tutta autonomia. Quindi cari autisti di Autoguidovie siete avvisati: qui a Settimo vi vogliamo forti e in salute!

Sembrerà divertente detta così, ma è proprio quello che è accaduto agli autisti della 433 di Autoguidovie quando la mattina di domenica 12 ottobre, durante la festa patronale di Seguro, si sono trovati il percorso di linea sbarrato e hanno dovuto pensare bene a come riorganizzare il servizio, visto che nessuno aveva per tempo inviato le opportune modifiche del percorso.

A conferma di quello che scriviamo ecco quello che ci ha raccontato un autista che era in servizio proprio quel giorno: “Il Comune non ha richiesto la deviazione per la festa patronale, e non l’ha mai chiesta, perché ritenevano che un autobus potesse passarci”. Davvero assurdo.

È sempre lo stesso autista un attimo dopo a farci notare come su due piedi con i colleghi abbiano dovuto riorganizzare la linea, perché alla rotonda di Via Albarella la strada era interamente transennata. Nel dettaglio ci viene spiegato in tre passaggi la grande avventura di domenica:

1) la polizia locale non era presente, quindi gli autisti, ignorando una regola interna che vietava l’abbandono del veicolo, sono dovuti scendere per spostare fisicamente la transenna con le proprie forze;

2) il problema riguardava le corse direzione Cornaredo e dal momento che lo specchietto dei Mercedes lato dx è più lungo il rischio reale era di “toccare” le tende dei venditori costringendo il bus a fare una manovra rocambolesca poggiando in quel tratto le due ruote sul marciapiede;

3) alcuni autisti dopo essersi consultati su quanto accaduto hanno deciso (evviva il libero arbitrio quando foriero di saggezza) di deviare nel pomeriggio la linea su Reiss Romoli e non su Edison, questo perché in Via Edison non sussistevano le condizioni di sicurezza minime per permettere la discesa dei passeggeri dall’autobus.

Insomma un bella avventura degna di nota in una giornata scandita dalla magica atmosfera della festa patronale.

Noi con un filo di ironia pensiamo che dopo questa esperienza si possano tranquillamente aprire i provini per ingaggiare autisti nerboruti e ardimentosi, da utilizzare anche -eventualmente- per spettacoli in stile Full Monty.
Ai cittadini di Settimo potremo così garantire lo svolgimento delle prossime feste patronali in tutta allegria, permettendo il sereno svolgimento dei festeggiamenti e il regolare passaggio dei trasporti pubblici locali.

Intanto buona festa di Settimo a tutti i cittadini!

La redazione del M5S.