INCONTRO IN REGIONE SULL’INTERCONNECTOR

Nel pomeriggio di giovedì 5 luglio presso la sede della Regione Lombardia si è svolto un incontro tra il Consigliere Regionale del Movimento 5 Stelle Massimo de Rosa (segretario della V Commissione permanente – Territorio e infrastrutture e componente della VI Commissione permanente – Ambiente e protezione civile), i Consiglieri Comunali del M5S di Settimo Omar Madè e Stefano Campi, l’Assessore comunale Matteo Ragazzoni (Edilizia e Lavori Pubblici), Paolo Maccazzola, Presidente del Comitato No Ecomostro di Settimo Giancarlo Rangoni , presidente Italia nostra Milano N.O. Cornaredo ed Ernesto Galli, coordinatore Lista Civica Cornaredo, promotore dell’iniziativa.

L’obiettivo era aggiornare Massimo De Rosa sugli sviluppi dell’Interconnector e chiedergli di farsi promotore presso il nuovo Governo nazionale, delle istanze di chi si oppone a questo assurdo progetto. Si vuole fare riferimento all’on. Davide Crippa, attuale sottosegretario allo Sviluppo economico. Sia De Rosa che Crippa sono stati a Settimo, partecipando ed intervenendo al convegno promosso dal Movimento di Settimo contro l’Interconnector nel novembre del 2015.

https://www.youtube.com/watch?v=dFSYmT5hTCM

Ricordiamo brevemente di cosa si tratta: l’opera prevede la costruzione di un elettrodotto lungo più di 170 Km, con mega tralicci di 60 metri reggenti una doppia terna di cavi elettrici a grande sezione (19 fili), che dall’alta Valle Formazza, lungo l’Ossola, raggiungono la Lombardia e trasferiscono a Settimo Milanese la corrente elettrica generata in Svizzera dal nucleare. Due enormi stazioni di conversione, da realizzarsi a Piedimura-Vogogna e a Settimo Milanese, convertiranno la corrente elettrica da alternata a continua e da continua in alternata.

Definita “Opera di importanza strategica nazionale” in concreto risulta essere un intervento di devastazione del paesaggio dall’inizio alla fine, e per Settimo l’erosione di  suolo agricolo, su aree coltivate  definite dalla Città Metropolitana nel Piano Territoriale “ambito agricolo strategico”, facenti parte del Parco Agricolo Sud Milano.

Il procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale  avviato nel 2012 si è sviluppato nelle fasi previste, con la possibilità da parte dei cittadini e degli amministratori dei Comuni interessati di esprimere le proprie osservazioni. Il Ministero dell’Ambiente ha poi richiesto a Terna la presentazione delle integrazioni a questo procedimento (art. 12 D. Lgs. 152/2006).

Le risposte di Terna continuano a non essere convincenti per i Comitati che si oppongono e per i Comuni coinvolti. Ci si oppone con forza a questa realizzazione. A livello governativo De Rosa ha confermato l’impegno e nelle prossime settimane porterà a Roma le nostre istanze .

Anche i cittadini possono agire concretamente: è possibile inoltrare le osservazioni sul progetto (per il quale si è prospettata una diversa localizzazione della stazione di conversione: dietro l’attuale centrale di Seguro di Settimo). Una superficie di circa 10 ettari, molto vicina alle abitazioni, con capannoni industriali alti 20 metri e trasformatori da 400 Kw. L’area in questione è terreno agricolo compreso nel Parco Agricolo Sud Milano, include l’alveo di tre fontanili e la cava del Boscacci. Le nuovi osservazioni andranno presentate entro l’8 agosto attraverso il modulo predisposto dal Comune di Settimo Milanese oppure via posta certificata direttamente al Ministero dell’Ambiente entro il 17 agosto 2018.

I presenti all’incontro si troveranno a breve per definire in  estrema sintesi i punti definiti da portare a Roma.

LINK https://comune.settimomilanese.mi.it/raccolta-osservazioni-interconnector/

https://comune.settimomilanese.mi.it/wp-content/uploads/2018/06/Modulo-osservazioni-Interconnector.pdf