Resoconto del convegno No Inteconnector

serata-No-Interconnector

Crippa-m5sUna serata da ricordare! Il 20 novembre Il Movimento 5 Stelle di Settimo ha organizzato un incontro con i cittadini per informare e discutere sul progetto di costruzione di una centrale elettrica di interscambio sul territorio. In un’Aula Consigliare piena si è svolto un dibattito con la splendida partecipazione di due parlamentari del Movimento, Massimo De Rosa e Davide Crippa, di un consigliere regionale, Gianmarco Corbetta, del rappresentante del comitato “Cittadini no Interconnector, Nicola Faiffer, e del portavoce del gruppo ambiente del Movimento di Settimo, Omar Madé. L’idea era quella di informare la cittadinanza sul problema che incombe sulla città. Il dibattito si è svolto in modo puntuale, a partire da Faifer, attivista e cofondatore del comitato Cittadini no Interconnector, che ha illustrato i motivi per i quali tale opera è ritenuta non necessaria, anzi dannosa: egli da diverso tempo segue la questione e ha inviato nelle sedi apposite osservazioni inerenti la Valutazione di Impatto Ambientale e segnalazioni in Commissione Europea riguardo il mancato rispetto di normativa e procedure da parte dell’ente proponente. Il consigliere Corbetta ha riferito delle azioni svolte in Commissione Ambiente per tentare di portare l’impresa delegata alla costruzione, Terna, in Regione Lombardia, a spiegare come mai non sono state seguite le procedure normali per avviare tale progetto. Madè ha informato i cittadini riguardo alle azioni intraprese dal Movimento in Consiglio Comunale, compresa l’ultima mozione appena depositata e da discutere nel prossimo Consiglio. Ha inoltre rivolto a tutti l’invito a seguire i Consigli comunali, per tenere sotto pressione la Giunta. Di seguito sono intervenuti Massimo De Rosa, deputato della commissione Ambiente della Camera, che ha cercato di spiegare come il programma ambiente del Governo sia strutturato in modo caotico e con poca lungimiranza e come i referenti del Governo (in primis il Sottosegretario allo SviluppoEconomico Simona Vicari) abbiano risposto in modo vago alle richieste in Commissione, ennesima dimostrazione della inefficienza e superficialità del Governo Renzi. Il deputato Davide Crippa, membro della commissione Attività Produttive, ha fatto saltare sulla sedia la maggior parte dei presenti elencando le aziende che stanno dietro il progetto, come ad esempio l’ILVA e la Famiglia Riva, spiegando come queste società otterranno benefici indiretti dagli investimenti futuri. Ha fatto presente una procedura volta a dare benefici a aziende indagate e alla fine del progetto con l’inevitabile esborso da parte dello Stato per riacquistare l’opera dai privati. La serata si è infiammata alla replica dell’Assessore Micheloni che ha confermato la volontà della Giunta nell’ostacolare il piano, benché ribadendo l’intenzione di proporre uno spostamento dell’opera in altro sito! In diversi momenti però i deputati hanno ribadito l’inefficienza delle decisioni del Governo, punto sul quale evidentemente l’Assessore ha dissentito. Sono seguiti alcuni momenti di dibattito con alcuni interventi di cittadini e di rappresentanti di altri Comuni, ai quali hanno risposto i deputati. L’evento si è concluso con l’invito a proseguire la battaglia e l’auspicio che uniti si può ottenere molto.

L’intervento del nostro attivista Omar Madè

 

 In questo canale potete trovare gli altri contributi video della serata:

https://www.youtube.com/channel/UCYakj6rFCwGEhkoOm-B8ylw