SI STANNO SVEGLIANDO… MA SIAMO AL CAPOLINEA!

FINALMENTE IN VIAGGIO

Come certamente ricorderete il Movimento 5 Stelle aveva per primo informato con questo articolo delle modifiche ai percorsi dei TPL (Trasporti Pubblici Locali) in occasione dell’apertura della M5 a San Siro prevista, prima per il 27 aprile, adesso il 29 aprile. Il “terremoto” che interessava i trasporti pubblici in vista dell’apertura di Expo veniva ampiamente raccontato e venivano elencati i vantaggi e gli svantaggi di queste scelte. In particolare l’articolo metteva in allarme i cittadini pendolari della linea 423, tanto che la Giunta comunale, fino a quel momento con Sindaco e Assessore allo Sviluppo Strategico del Territorio, in uno stato soporifero si ero poi data -finalmente!- una svegliata. Poi cosa è successo?

C’è stato il primo tentativo di mettersi in viaggio in un territorio (quello della mobilità) lasciato in uno stato letargico. È stato fissato un incontro pubblico in Auditorium il 24 marzo scorso che verteva sul prolungamento della M5 a Settimo Milanese, ma che ha scatenato –e non poteva che essere così- varie domande da parte dei cittadini sul tema della 423 e delle modifiche alle linee previste per fine aprile. In quell’occasione il Sindaco Santagostino ci informava che aveva iniziato (solo dieci giorni prima e non appena “informata”) un intenso confronto tra i vari soggetti coinvolti (Comune di Milano, ATM e AMAT-Agenzia Mobilità Ambiente e Territorio).
Il Sindaco non ha perso l’occasione, durante l’incontro di Auditorium, di rimproverare un cittadino che era intervenuto per lamentare la mancanza di informazione… Non solo, la Santagostino ha poi inveito contro l’opposizione perché non era stata partecipativa e -a sua detta- “non le aveva telefonato” per avvisarla. Pazzesco, neanche ci fosse l’opposizione al governo! (si legga qui il resoconto della serata in Auditorium del 24/3/2015).
In sintesi a quell’incontro il Sindaco, rimbalzando le domande dei cittadini e cercando di far emergere una colpa non sua, dichiarava pubblicamente che avrebbe fissato un altro incontro pubblico esclusivamente per trattare la questione dei TPL. Ad oggi questo incontro ancora non c’è stato e non sappiamo ancora se e quando ci sarà!

DISORIENTATI: I COMUNICATI E LE CONTRADDIZIONI.

Ma andiamo avanti anche se disorientati da questo viaggio incerto…

Il 1 aprile la Giunta ha avuto un confronto con i soggetti sopracitati e ha iniziato a pubblicare informazioni (giusto per compensare quanto non fatto in precedenza) sullo stato dei lavori. Concludevano il comunicato dell’elenco delle cose “non fatte prima” con un’affermazione geniale: “Un altro passo è stato fatto, ma ancora non siamo arrivati al capolinea!”. Che coraggio! Che pelo sullo stomaco!

Informazioni simili sono state nuovamente pubblicate in pompa magna il 16 aprile annunciando principalmente i seguenti obiettivi:

  1. che grazie alla mediazione tra i diversi enti (Comune di Settimo e di Milano), si era riuscito a modificare il percorso della linea 423 ed evitare il giro per l’Ospedale San Carlo.
  2. che il Comune di Milano delibererà affinché il titolo di viaggio utilizzato oggi sia valevole anche dopo il 29 aprile per consentire il raggiungimento degli istituti superiori e/o l’interscambio di Piazzale Lotto;

Per quanto riguarda il primo punto ci sembra doveroso informare NUOVAMENTE questa Amministrazione che ieri sono state tappezzate le fermate della 423 i volantini che raccontano tutta un’altra storia: in questi comunicati ufficiali di ATM (che mettiamo in allegato all’articolo) si parla ancora di apertura della metropolitana San Siro in data 27 aprile (passi il primo errore), ma soprattutto si fa riferimento ancora una volta (nooooo!) alla prima deviazione verso l’Ospedale San Carlo! Non è possibile!

Con ogni probabilità si tratta di un errore e le modifiche attuali, complice una situazione molto fluida, sono quelle indicate senza il passaggio da San Carlo e con arrivo diretto in piazza Axum (proseguendo per via Novara e girando a sinistra in via San Giusto). Altrettanto falso è il giorno di attivazione di tali modifiche ai trasporti che sarà effettivo in dato 30 aprile. Ancora una volta diciamo: “ma questo è informare correttamente i cittadini?”. Perché fare lunghe promesse elettorali, comunicati con grandi pacche sulle spalle, incontri con dirigenti che si scambiano complimenti sulla loro preparazione, sul loro know-how spendibile all’estero (ad esempio Maran, Corridore e Censi durante l’incontro del 24 marzo), perché fare tutto questo e non riuscire a risolvere piccoli problemi della comunità che ad oggi sarà ancora più disorientata tra un comunicato di ATM e quello del Comune… informazioni completamente agli antipodi.

Il secondo punto sul titolo di viaggio è una questione ancora controversa che si trascina da troppo tempo: non sappiamo se sia necessario o meno deliberare sul biglietto per gli studenti perché questa situazione è già regolata, è già così su altre tratte! Un esempio su tutti: lo studente di Settimo che oggi va a Molino Dorino per andare a Lotto con la metropolitana 1 paga lo stesso abbonamento di chi usufruisce della 423, ma utilizza un tratto di metropolitana. Quindi molto probabilmente il Comune di Milano dovrà deliberare un accordo già esistente, dato che il titolo di viaggio è già previsto dal SITAM (Sistema Integrato Trasporti Ambito Milanese) e la tariffa interurbana è valida fino alla cerchia della 90/91, con un tratto di metropolitana già compreso. Ci auguriamo comunque che vengano definitivamente presi accordi col Comune di Milano per istituire un abbonamento annuale per i cittadini di Settimo.

Per informazioni si rimanda a http://www.atm.it/it/ViaggiaConNoi/Biglietti/Pagine/sistematariffario.aspx

IN CONCLUSIONE: IL CAPOLINEA

Non possiamo negare che oggi da parte di questa Amministrazione ci sia stato uno sforzo e un lavoro sul versante dei TPL, anche sul versante del potenziamento delle linee, ma è altrettanto innegabile che questo sia frutto del nostro lavoro e ancor più del nostro necessario e continuo stimolo.

Ecco perché noi grillini stavolta orgogliosamente ce ne prendiamo la paternità (troppe volte è lasciata ad altri, così bravi a mettere il cappello sulle cose, meno bravi a gestire correttamente i problemi direttamente coi cittadini).
Sul tema dell’ampliamento del servizio dei trasporti pubblici previsti per Expo e sul famoso incontro pubblico (ancora non pervenuto) vi terremo continuamente informati. Noi del M5S siamo quell’opposizione che ha trovato in questi mesi soluzioni a un governo locale zoppicante e impreparato. Se questa giunta non agirà veramente nell’interesse dei cittadini, possiamo dirlo con assoluta certezza, si dirigerà verso velocemente verso il capolinea!

 

SCARICA IL NOSTRO VOLANTINO CON LE INFORMAZIONI CORRETTE

 

downloadPdf