Tag Archives: mobilità sostenibile

LA MOBILITA’ A SETTIMO? SI, MA, BOH.

Il Movimento 5 Stelle comunica che l’articolo “Mobilità e immobilità”, apparso in questi giorni sul numero di Qui Settimo e firmato da Fabio Cainelli  (attivista del M5S) è stato tratto dall’articolo che segue e che pubblichiamo in forma completa e col titolo originale.

 

LA MOBILITA’ A SETTIMO? SI, MA, BOH.

Quando mi è stato chiesto di scrivere questo articolo sui trasporti e la mobilità di Settimo, nella mia mente sono passati molti pensieri che spero di poter riassumere adeguatamente nelle prossime righe. Alla domanda: “Come vede la mobilità di oggi e quella di domani a Settimo?” darei probabilmente una banalissima risposta: SI, MA BOH. Come risposta di per sé può non significare nulla, ma può anche significare qualcosa se correttamente declinata nel contesto settimino. Da appassionato e tecnico della materia vorrei che i trasporti fossero di un certo tipo, con una determinata frequenza e un determinato arco di servizio, ma il tutto è smorzato dalla realtà che oggi viviamo nel nostro territorio e che ci pone così lontani da Milano, nonostante i confini siano in comune. Se torniamo indietro di 3 anni, nel 2015, tutto faceva pensare ad altro: l’Amministrazione Comunale aveva intrapreso un percorso post-Expo che portava in una diversa direzione sperimentando un “timido” servizio serale e un buon servizio festivo. Sembrava quanto meno che la voglia di cambiare qualcosa ci fosse, sembrava che le istanze dei cittadini fossero tradotte in fatti. Dico “sembrava” proprio perché così è stato, fino al brusco risveglio del 6 marzo 2017, quando questa sperimentazione è stata sospesa e si è ritornati alla situazione deficitaria del pre-Expo. E sulla scelta di sospendere il servizio avrei qualcosa da dire per essere chiari fino in fondo: questa sperimentazione che l’Amministrazione Comunale ha bollato come totalmente fallita, secondo me non lo è stata affatto. Non è stata fallimentare la sperimentazione ma la gestione sì, perché:

1) il servizio serale era sbagliato già in partenza perché la semplice aggiunta della corsa delle 21.30 (che nonostante tutto portava dei passeggeri) non era appetibile per un certo tipo di utenza

2) il servizio festivo che aveva una buona frequenza e, per quanto ho visto e provato io stesso, un buon numero di utenti, è stato eliminato sulla base di rilievi effettuati nei soli primi due mesi di sperimentazione (ovvero novembre e dicembre 2015) e non sull’intero periodo di sperimentazione finito a febbraio 2017.

Il tutto è stato accompagnato nei mesi successivi con dichiarazioni poco condivisibili se non addirittura false, sia a livello istituzionale sia a livello di social media. Non posso non parlare di due dichiarazioni che sono state date in Consiglio Comunale che reputo al limite dell’imbarazzante: la prima dichiarazione è stata che i mezzi pubblici a Settimo nel 2018 sono peggiori rispetto al 1980. Questa dichiarazione è errata perchè banalmente la 423 all’epoca non c’era e se è pur vero che il Magenta (Z620) aveva un servizio migliore a quello odierno, non lo si può dire delle altre linee che vi erano perché pensate solo per fasce orarie e non per un arco di servizio continuativo.

La seconda dichiarazione, invece, affermava che ripristinare il servizio simile alla sperimentazione era come mettere un cerotto a una ferita gigante. Se per il servizio serale questa frase può anche avere un senso (ma proprio per quanto faccio riferimento al punto 1) non lo può essere sul servizio festivo perché si passa da averlo a non averlo. E non mi sembra poco. Con il festivo avremmo sicuramente una ferita in fase di guarigione.

La mazzata definitiva sulla mobilità settimina è poi arrivata qualche settimana fa, con l’annuncio di Enjoy di sospensione del servizio a Settimo, Cesano e Buccinasco a partire dal 19 marzo. A differenza degli altri Comuni coinvolti, per noi cittadini di Settimo la mazzata è più forte proprio perché abbiamo un servizio di trasporto pubblico che termina (ahinoi!) alle 20.20, mentre da loro termina a 0.05. C’è una bella differenza. Aggiungo inoltre che uno dei motivi che hanno spinto Enjoy a sospendere il servizio è proprio per il numero di macchine portate e rimaste a Settimo, che è aumentato per via della mancanza del trasporto pubblico nelle fasce serali e festive. Saranno molto contenti quelli che sostenevano che alla fine il car sharing erano solo delle macchine in più sul territorio, senza avere una minima idea di cosa significhi car sharing. (*)

Al momento dei mezzi di mobilità sostenibile è rimasto solo il bike sharing, sperando che anche questa modalità, tra vandalismi e tante bici sul territorio, non ci venga privata in futuro dalle società proprietarie delle bici. Ecco perché credo che qualsiasi iniziativa sui trasporti sia lodevole e di buon senso, come la petizione portata avanti dal Movimento 5 Stelle, che ho firmato e che spero possa muovere qualcosa.

Per terminare mi auguro che la questione dei trasporti locali sul reintegro delle corse serali e festive per la linea 423 sia seriamente presa in considerazione dal Sindaco (che ad oggi detiene le deleghe sulla mobilità e i trasporti). Ad ogni occasione pubblica sento parlare di criticità e di responsabilità (sempre altrove) ma non vedo soluzioni concrete. Tant’è che ormai, come Comune, non aderiamo nemmeno ai vari blocchi del traffico, con tutto ciò che né consegue dal punto di vista ambientale.

Il domani di Settimo? Se hai la macchina sei collegato a Milano, altrimenti BOH!

 

Fabio Cainelli

 

(*): Alla consegna dell’articolo, la notizia più recente da parte del Comune sulla propria pagina Facebook, è che Enjoy si è impegnata a valutare le proposte presentate. Verrà individuata a breve una piccola area al confine con il Comune di Milano in cui sarà possibile lasciare le auto in sosta. In ogni caso dal 19 marzo il servizio sarà sospeso fino al nuovo accordo.

VOTAZIONE VARIAZIONI DI BILANCIO E INTERROGAZIONI A CINQUE STELLE!

PRIMA ALCUNE PRECISAZIONI.

Nell’articolo sullo svolgimento dei lavori dell’ultimo consiglio comunale del 10 maggio scorso (apparso venerdì 12 maggio su Settegiorni) sono state riportate impropriamente alcune informazioni relative alle votazioni sulle variazioni al bilancio 2017-2019. In particolare Settegiorni comunicava che “la votazione sulla variazione al bilancio di previsione 2017-2019 adottata in via d’urgenza è stata di 13 voti favorevoli e 2 astenuti (i consiglieri Meregalli e Bassi).” Quindi concludeva con un intervento dell’assessore Stringaro che affermava che «Le variazioni sono volte adeguare il bilancio di previsione alle esigenze sorte in sede di gestione ordinaria, prima fra tutte le variazioni collegate al piano delle assunzioni». È bene precisare che le variazioni d’urgenza e quelle ordinarie sono state trattate in due punti separati dell’ordine del giorno del consiglio comunale e che per questi due punti la votazione è stata di assolutamente differente.

Per completezza di informazione ci preme segnalare che al punto 6 dell’odg relativo alle “VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2017-2019” IL M5S DI SETTIMO MILANESE HA VOTATO CONTRO, così come avvenuto il 9 febbraio in occasione dell’approvazione del BILANCIO DI PREVISIONE E DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO.
In questo punto all’ordine del giorno si trattava del piano di assunzioni, dell’attivazione di 7 doti comuni, di spese informatiche relative al noleggio delle stampanti e di altre importanti variazioni di spesa (come il piano di assunzioni menzionato dell’assessore Stringaro a fine articolo).

Segnaliamo pertanto a Settegiorni che la votazione favorevole del M5S è avvenuta UNICAMENTE al punto 5 delle variazioni di bilancio e cioè in merito alla ratifica della variazione in merito al prelievo d’urgenza dei fondi per disporre le operazioni del REFERENDUM (come da DPR del 15 marzo 2017). Operazione che si rende necessaria negli enti locali ad ogni tornata elettorale.

Probabilmente si tratta di una svista e non è il caso di fare processi sulla necessità di informare correttamente verificando le fonti (che, grazie all’attivismo di alcuni cittadini si traducono anche nella possibilità di vedere i consigli comunali comodamente in streaming), ma va comunque detto che il M5S non ha mai condiviso in questi tre anni di amministrazione le scelte messe a bilancio.

QUINDI L’ALTRA META’ DEL CONSIGLIO COMUNALE

Approfittiamo dell’occasione per raccontare “l’ordine del giorno ricchissimo”: si è votato infatti per il regolamento degli orti comunali (in cui sono state recepite le osservazioni fatte in commissione dal M5S); si è deliberato sull’organizzazione di un nuovo servizio di “scuola civica musica” e sull’approvazione di una bozza di accordo per valorizzare la cappella Mantegazza (fra 6 mesi di proprietà del Comune che dovrà davvero pensare a progetti per valorizzarla, oltre a mettere in bilancio 135.000 nei prossimi 5 anni per sistemarla).

La serata si è conclusa con la discussione di temi altrettanto importanti e molto cari al MoVimento: i trasporti locali e la mobilità sostenibile. Abbiamo votato favorevolmente alla mozione del PD per scongiurare i tagli regionali di 2,8 milioni, una mozione che intendeva “pungolare” il governo centrale (targato PD, va ricordato) affinché fossero “assegnate le risorse per lo svolgimento dei servizi di trasporto”. Una mozione che, caso strano, arriva proprio in un consiglio che tratta anche le risposte a varie interrogazioni sul tema dei trasporti avanzate dal M5S.

LE NOSTRE INTERROGAZIONI SUL TEMA DEI TRASPORTI.

Il consiglio comunale si è concluso con la risposta a 6 interrogazioni presentate dal M5S, 2 sulla viabilità e i controlli della polizia locale e ben 4 sul tema della mobilità sostenibile, sullo sviluppo delle politiche sui trasporti pubblici locali e sulla famosa sperimentazione che (tristemente) è terminata a marzo, riportando i TPL, di fatto, nel passato: ad oggi dopo le 19.30 da Settimo non si può più arrivare a Milano (verso Bisceglie con la linea 433 e in direzione metropolitana San Siro, con la linea 423). Una gran brutta visione complessiva di mobilità sostenibile.

Non ci sono piaciute le risposte dell’amministrazione PD che riteniamo davvero inadeguate sul tema dello sviluppo dei trasporti locali (TPL). Particolarmente infelice la frase: “Amministrare significa trovare la miglior soluzione per il maggior numero dei cittadini”. Tutti i cittadini hanno un’auto, tutti vorrebbero parcheggiare sotto casa: ampliamo i parcheggi?

Il TPL non potrà mai essere pienamente efficiente se nel territorio non si faranno operazioni educative (incontri informativi, pedonalizzazioni di alcune aree, incentivi per chi lascia a casa la macchina e si muove con biciclette e bus) e non si farà capire al cittadino che il TPL è anche intermodalità tra cammino, bicicletta, car sharing, bus, metro e treno. Ma se non lo capisce l’amministrazione, come si può pretendere che il messaggio venga spinto anche verso i cittadini più lontani da questa mentalità? Amministrare significa anche OSARE.