Tag Archives: resoconto 2015

Breve bilancio del 2015. Per ricominciare con lo stesso impegno.

CITTADINI-IN-MOVIMENTO-1Vogliamo iniziare questo 2016 facendo una breve relazione e un bilancio dell’attività politica svolta nell’anno appena passato. Gli attivisti del M5S e i tre consiglieri che avete votato continuano ad impegnarsi per la collettività e negli incontri settimanali (il mercoledì sera, presso il Seven bar) aperti a tutti, si sono confrontati sui 3 temi che rappresentano maggiormente i valori del Movimento 5 stelle di Settimo Milanese:

1 AVVICENDAMENTO/ROTAZIONE

2 COERENZA COL PROGRAMMA ELETTORALE

3 COSTANZA NELLE PROPOSTE/BUONE PRATICHE

AVVICENDAMENTO/ROTAZIONE

Perseguiamo gli obbiettivi stabiliti al momento delle elezioni: un nuovo stile di fare politica, attraverso persone che mettono a disposizione il proprio tempo e le proprie competenze: studiano e non sono “attaccati alla poltrona”. Solo così si può uscire da quel torpore che allontana sempre più la gente dalla politica perché “tanto rubano tutti” e poi “decidono sempre loro”.

Questo stile si traduce anche nella “rotazione dei ruoli”: è stato scelto l’avvicendamento del Capogruppo in Consiglio Comunale (da Salvatore Procopio a Marta Fusari). Altre rotazioni nel ruolo di Consigliere sono in programma in futuro, per consentire ai candidati di fare esperienza e mettersi al servizio della comunità.
Noi vogliamo che la cittadinanza si riavvicini alla gestione della cosa pubblica utilizzando tutte le forme di partecipazione, vogliamo che si costruiscano reti di relazioni basate su esperienze, riflessioni, punti di vista; affinché tutti si interessino al bene comune, alla giustizia e alla legalità.

COERENZA COL PROGRAMMA ELETTORALE

Vuol dire tradurre in azioni concrete quanto concordato coi cittadini e al di là delle promesse elettorali. Ecco perché continuiamo a proporre interrogazioni (quindi domande) e mozioni (proposte) alla Giunta Comunale basandoci sui temi e sullo stile proposto nel nostro programma.

Lo scopo non è mai stato -e mai sarà- quello di aumentare il lavoro degli uffici (la nostra stima per il personale può solo crescere, vedendo in questi mesi la qualità dei documenti prodotti) ma informare gli elettori delle decisioni prese, comunicando i dati da chi governa a chi è governato, per aumentare la trasparenza e la partecipazione alla vita politica.

Le questioni segnalate dai cittadini sono state trattate sotto vari aspetti:

  • sul tema dei trasporti pubblici è stata proposta e respinta una Mozione sull’interscambio in centro paese tra 423 e 433 (la modifica di percorso proposta, con la creazione di una nuova fermata comune alle due linee, avrebbe agevolato la scelta di utilizzo per i pendolari) ;
  • sui temi ambientali una Mozione sull’utilizzo di eco compattatori nei centri commerciali (dotandoli di raccoglitori di plastica/alluminio/vetro per aumentare il riciclo, in cambio di scontrini da spendere nelle attività convenzionate) che la maggioranza di governo ha vincolato a una valutazione diretta da parte degli esercizi commerciali;
  • una Mozione per realizzare dei campi da beach volley comunali (un ammodernamento economico delle strutture interne al Bosco della Giretta, per aumentarne la fruizione e le iniziative –così come avviene al Parco di Trenno a Milano) ugualmente respinta;
  • una delle ultime Interrogazioni riguarda la pavimentazione della Piazza S Sebastiano a Vighignolo (ci hanno segnalato problemi di caduta da biciclette per la presenza dei sanpietrini dissestati);
  • abbiamo dato un grosso contributo per poter modificare alcune voci di bilancio così da avere più risorse da spendere per temi cari alla cittadinanza (trasporto, sorveglianza, informazione…).
  • Assieme al Comitato “No Interconnector” abbiamo organizzato un Convegno NO INTERCONNECTOR, svoltosi il 20 novembre in Aula Consiliare per confrontarsi sul Progetto della nuova Stazione Elettrica di Terna di Interscambio prevista sui territori agricoli oltre Castelletto, facenti parte del Parco Agricolo Sud Milano. All’incontro pubblico sono intervenuti rappresentanti regionali e nazionali del Movimento 5 stelle ed il dibattito ha offerto ai presenti utili spunti di riflessione, che andavano oltre il progetto. Un’occasione per riflettere sul tema della politica energetica attuata dal governo italiano (per maggiori informazioni si rimanda al nostro articolo).

COSTANZA NELLE PROPOSTE/BUONE PRATICHE

Il nostro sforzo nell’ultimo periodo è stato quindi quello di continuare a proporre interventi e mozioni su temi che sono all’ordine del giorno nelle esigenze di vivibilità della nostra città e della realtà che ci circonda.

Spesso però ci scontriamo con un “vecchio metodo” di fare politica, che si nasconde dietro i nuovi volti e che impoverisce i nostri sforzi, bocciando ogni proposta giunta dalla minoranza.
Pur apprezzando lo sforzo della maggioranza di mettere in atto ciò che ha proposto in campagna elettorale è necessario secondo noi fare un salto di qualità sotto due aspetti: la presentazione dei risultati e l’atteggiamento verso le altre forze politiche.

Nel primo caso intendiamo dire che la presentazione delle iniziative, dei progetti avviati, ha ‘sulla carta’ uno spessore ben diverso rispetto a quanto percepito dai cittadini: è il caso di cominciare a raccontare i fatti con maggiore onestà intellettuale per risultare credibili senza fare continue campagne elettorali per rafforzare il consenso. Nel secondo caso parliamo delle risposte alle nostre mozioni: in alcuni casi emendate, in altri bocciate, nonostante fossero proposte utili a tutta la cittadinanza, nate dal confronto diretto con gli abitanti. Noi crediamo che scartare a priori ciò che arriva dall’opposizione sia un modo furbo e poco onesto di mostrare che alcuni temi vengono trattati in esclusiva dalla Giunta.

Siamo contrari alle strumentalizzazioni dei fatti spesso autoreferenziali. Questo non è il nostro stile! Per noi è importante che tutti si informino, in modo da ragionare con la propria testa senza condizionamenti.
Siamo convinti che il cambiamento arriverà quando ciascuno prenderà l’azione politica nelle proprie mani. Ogni cittadino dovrebbe essere custode del bene prezioso che la comunità rappresenta, ogni cittadino può decidere in qualsiasi momento di esserlo.

A riveder le stelle!